Fasi e politiche attive

Le fasi sono:

  1. Presa in carico dei destinatari finali da parte dei Centri per l’Impiego regionali per la stipulazione o aggiornamento del Patto di Servizio 
  2. Assegnazione al destinatario da parte del CPI del Buono Umbro per il Lavoro – BUL, che consente di accedere a misure di politica attiva del lavoro.

Le misure di politica attiva del lavoro, calibrate sulle specifiche esigenze dei destinatari, possono essere:

Orientamento specialistico 

Finalizzato ad esplorare le esperienze personali e professionali del destinatario, ad analizzare gli specifici fabbisogni e a valutare le competenze spendibili nel mercato del lavoro 

Accompagnamento al lavoro 

Finalizzato alla rilevazione delle opportunità occupazionali, alla promozione del destinatario finale verso i potenziali datori di lavoro, all’assistenza alla preselezione, sino alle prime fasi di inserimento nell’impresa, individuando altresì gli eventuali gap di competenze rispetto al fabbisogno espresso da una o più imprese interessate all’inserimento e reinserimento lavorativo da colmare mediante eventuali misure di formazione e/o tirocinio. 

(Eventuale) Formazione individuale e individualizzata

Percorso formativo erogato da un organismo di formazione accreditato, fermo restando il limite massimo di spesa relativo alla classe di profilazione del destinatario.

(Eventuale) Tirocinio extracurriculare 

Tirocinio extracurriculare finanziato da svolgersi nel territorio regionale di durata compresa tra un
minimo di 2 mesi e un massimo di 4 mesi e con indennità di partecipazione pari a € 600,00 mensili lordi.
L’indennità di partecipazione è considerata reddito assimilato al reddito di lavoro dipendente e non si computa ai fini del calcolo per il mantenimento dello stato di disoccupazione.